Sostegni sociali – Raccolta – Redditi di Cittadinanza, di Emergenza – Pensioni e Assegni sociali – Indennità

Ultima Modifica in Gennaio 15, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Tutti gli strumenti di sostegno sociale raccolti in unico posto per fare chiarezza e orientare alla scelta.

Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA)

NON ATTIVO

Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) era una misura di contrasto alla povertà introdotta dalla legge 28 dicembre 2015, n. 208 .

Tale misura prevedeva l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate che verrà erogato attraverso l’attribuzione di una carta di pagamento elettronica, utilizzabile per l’acquisto di beni di prima necessità.

Ai sensi del decreto legislativo n. 147/2017, dal 1° gennaio 2018, il SIA non viene più riconosciuto.

I beneficiari del SIA, dal 1° dicembre 2017, possono richiedere la trasformazione del SIA in Reddito di inclusione

Reddito di Inclusione (REI)

NON ATTIVO

Il Reddito di Inclusione (REI) non può essere più richiesto a partire dal 1° marzo 2019, in quanto sostituito dal Reddito di Cittadinanza.

Pertanto, l’ultima data utile per la presentazione della domanda di ReI è stata il 28 febbraio 2019 e l’ultima erogazione è stata quella di agosto 2020.

Reddito di Cittadinanza

e

Pensione di Cittadinanza

ATTIVO

Il Reddito di Cittadinanza (RdC), introdotto con decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, è un sostegno economico finalizzato al reinserimento nel mondo del lavoro e all’inclusione sociale.

Reddito di Emergenza

NON ATTIVO

Il Reddito di Emergenza (REM d.l. 34) è una misura di sostegno economico (non più attiva) istituita dal decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto Rilancio) in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Il REM d.l. 34 è stato erogato per due mensilità a decorrere dal mese di presentazione della domanda.

La domanda per l’ulteriore mensilità aggiuntiva di REM d.l. 104 poteva essere presentata dal 15 settembre al 15 ottobre 2020.

La domanda di REM d.l. 137, infine, poteva essere presentata dal 10 novembre al 30 novembre 2020.

L’importo del beneficio economico varia da 400 a 800 euro mensili tenendo conto del numero dei componenti il nucleo familiare.

Pensione Sociale

NON ATTIVO

La Pensione Sociale era una prestazione assistenziale per la quale non erano richiesti requisiti assicurativi o contributivi, rivolta a cittadini di 65 anni di età,  in possesso di determinati requisiti di reddito.

Continua a essere corrisposta nei confronti di coloro che hanno presentato domanda e maturato i requisiti entro il 31 dicembre 1995.

Dal 1° gennaio 1996 è stata sostituita dall’assegno sociale.

Assegno Sociale

ATTIVO

L’Assegno Sociale è un sostegno economico, attualmente in vigore, erogato a domanda, dedicato ai cittadini italiani e stranieri in condizioni economiche disagiate e con redditi inferiori alle soglie previste annualmente dalla legge. 

E’ in vigore dal 1° gennaio 1996, l’assegno sociale ha sostituito la pensione sociale.

La prestazione ha natura assistenziale e non è reversibile ai familiari superstiti.

Assegno emergenziale integrativo

ATTIVO

L’assegno emergenziale/integrativo è una prestazione di sostegno al reddito erogata dai Fondi Credito, Credito cooperativo e Trasporto pubblico, integrativa rispetto all’indennità di disoccupazione in termini d’importo o di durata.

La durata massima dell’assegno emergenziale è di 24 mesi

Link >> INPS

Carta Acquisti

ATTIVO

La Carta acquisti ordinaria è una carta di pagamento elettronica concessa a cittadini che si trovano in condizioni di disagio economico. Sulla carta si accreditano bimestralmente80 euro che possono essere utilizzati per la spesa alimentare negli esercizi convenzionati e per il pagamento delle bollette di gas e luce presso gli uffici postali.

Link >>

Indennità di disoccupazione mensile DIS-COLL

ATTIVO

L’indennità di disoccupazione mensile DIS-COLL” è una prestazione a sostegno dei collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, assegnisti di ricerca e dottorandi di ricerca con borsa di studio che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione (articolo 15, decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22).

L’indennità di disoccupazione è pari al 75% del reddito medio mensile.

La DIS-COLL decorre dall’ottavo giorno successivo alla cessazione del rapporto di collaborazione o assegno di ricerca/dottorato di ricerca.

Link >>

Indennità ASpI

NON ATTIVA

L’indennità ASpI è stata istituita per gli eventi di disoccupazione verificatisi a partire dal 1° gennaio 2013 e sostituisce l’indennità di disoccupazione ordinaria non agricola. È stata erogata su richiesta, per gli eventi di disoccupazione verificatisi fino al 30 aprile 2015, ai lavoratori dipendenti che hanno perso involontariamente l’occupazione.

E’ stata sostituita dalla NASpI.

NASpI – Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego

ATTIVA

La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego ( NASpI) è una indennità mensile di disoccupazione, istituita dall’articolo 1, decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 – che sostituisce le precedenti prestazioni di disoccupazione ASpI e MiniASpI – in relazione agli eventi di disoccupazione involontaria che si sono verificati a decorrere dal 1° maggio 2015.

La NASpI viene erogata su domanda dell’interessato a partire dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro.

La misura della prestazione è pari al 75% della retribuzione media mensile imponibile ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni.

DURATA: La NASpI è corrisposta mensilmente per un numero di settimane pari alla metà delle settimane contributive presenti negli ultimi quattro anni.

Link >>

ASDI – Assegno Sociale di Disoccupazione

ATTIVO

L’ASDI (Assegno Sociale di Disoccupazione) consiste nell’indennità economica per la ricollocazione dei lavoratori disoccupati.

La prestazione ASDI (articolo 16, decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22) ha la funzione di fornire una tutela di sostegno al reddito ai lavoratori già beneficiari della NASpI che siano disoccupati e si trovino in una condizione economica di bisogno.

L’importo dell’ASDI è pari al 75% dell’ultima indennità NASpI percepita.

Link >>

Indennità di Disoccupazione AGRICOLA

ATTIVO

L’indennità di disoccupazione agricola è una prestazione economica a cui hanno diritto i lavoratori agricoli dipendenti e le figure equiparate.

L’indennità spetta per un numero di giornate pari a quelle lavorate entro il limite massimo di 365 giornate annue.

L’indennità spetta nella misura del 40% della retribuzione di riferimento.

Agli operai agricoli a tempo indeterminato l’indennità viene erogata per un importo pari al 30% della retribuzione effettiva. 

Link >> INPS

Assegno ASU

ATTIVO

L’Assegno di sussidio per Attività Socialmente Utili (assegno ASU) è una prestazione economica in favore di lavoratori che partecipano a progetti di Lavoro Socialmente Utile (LSU).

Sono stati utilizzati per tali progetti di lavoro:

  • lavoratori in cerca di prima occupazione;
  • disoccupati iscritti da più di due anni nelle liste di collocamento;
  • iscritti nelle liste di mobilità che non percepiscono l’indennità.

L’importo è pari a € 580,14 mensili.

Link >> INPS