Fondo Casalinghe

Ultima Modifica in Gennaio 15, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Il Fondo Casalinghe è un fondo di previdenza, istituito il 1° gennaio 1997, rivolto alle persone che svolgono lavori di cura non retribuiti e derivanti da responsabilità familiari.

Possono iscriversi al Fondo le persone di entrambi i sessi con età compresa fra i 16 e i 65 anni, come previsto dalle norme sull’avviamento al lavoro.

L’INPS eroga in favore degli iscritti al Fondo casalinghe la pensione di inabilità e la pensione di vecchiaia.

La pensione di vecchiaia spetta a partire dal 57° anno di età, a condizione che siano stati versati almeno cinque anni (pari a 60 mesi) di contributi. Inoltre viene liquidata solo se l’importo maturato risulta almeno pari all’ammontare dell’assegno sociale maggiorato del 20% (1,2 volte l’assegno sociale) e prescinde dall’importo al compimento del 65° anno di età.

L’importo è determinato secondo il sistema di calcolo contributivo.

Per li’scrizione al Fondo Casalinghe consultare la sezione INPS al seguente link:


Correlati

Bonus Acquisti

Buoni Spesa - Come richiederli - Decreto Ristori - by Santo ORSA ... leggi
Rimborsi del 10% sulle transazioni non superiori a 150,00 - Esempi di calcolo - By Santo Orsa Dottore Commercialista ... leggi
Che cos'è Il “Bonus TV” è un contributo di 50 euro per l’acquisto di TV e decoder (satellitari o di ... leggi
E' stato istituito un fondo per consentire alle casalinghe di formarsi e acquisire nuove competenze. E' atteso (nei primi mesi del ... leggi
E' ufficiale: l'avvio della misura è fissato per il 9 novembre Offerte disponibili degli operatori - Pubblicato l'elenco degli operatori ... leggi
Si tratta di misure statali volte a ridurre la spesa delle famiglie con basso reddito per utenze domestiche quali Acqua, ... leggi
CHE COS'È? E' un contributo economico di 30 euro per l'acquisto di un dispositivo antiabbandono. Ricordiamo che per i bambini ... leggi

Bonus Casa

Bonus pari a 1.000 euro per ciascun beneficiario, da utilizzare entro il 31 dicembre 2021, per interventi di sostituzione di ... leggi
Elenco di tutte le agevolazioni valide per il 2020 e il 2021, che interessano gli interventi sulle abitazioni - by ... leggi
E' un contributo fino a 5.000€ erogato a fondo perduto per Impianti termici solari e non, pari al 65% delle ... leggi
Incentivo all'Autoconsumo con accumulo di Energia. Tariffa di 100 € per ogni MWh prodotto e autoconsumato. ... leggi
La sostituzione di un impianto di climatizzazione è un intervento che può beneficiare della detrazione del 110%, anche senza la ... leggi
Il bonus consiste nella detrazione pari al 36 per cento delle spese documentate fino a un ammontare complessivo non superiore ... leggi
l bonus del 50%, confermato per tutto l'anno 2021, è una detrazione Irpef riconosciuta ai contribuenti per l’acquisto di mobili ... leggi
ll bonus condizionatori 2020 è una agevolazione fiscale (detrazione di imposta) che spetta a tutti i soggetti che decidono di acquistare oppure ... leggi
Guida Pratica in breve - Beneficiari - Utilizzo - Interventi - Modulistica - by SantoORSA ... leggi

Bonus Reddito

L'INPS eroga in favore degli iscritti al Fondo casalinghe la pensione di inabilità e la pensione di vecchiaia - by ... leggi
Tutti gli strumenti di sostegno sociale (Assegni sociali, Indennità di disoccupazione, ecc) raccolti in unico posto per fare chiarezza e ... leggi
L’Amministrazione Regionale comunica che i destinatari dei due avvisi pubblici “StaiInCalabria” e “InCalabria”, rispettivamente nuclei familiari e giovani, potranno utilizzare ... leggi
E' contributo che viene erogato dall'INPS per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati ... leggi
Il premio alla nascita di 800 euro viene corrisposto dall’INPS per la nascita o l’adozione di un minore. La domanda ... leggi
L’assegno per congedo matrimoniale è un Bonus del valore pari a 7 giorni lavorativi erogato dall'INPS - by Santo ORSA ... leggi
Chiamata anche Social Card, è una carta rilasciata dalle Poste Italiane per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Ha ... leggi
E' una carta rilasciata dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Da diritto ad ... leggi
Il “Bonus vacanze” fa parte delle iniziative previste dal “Decreto Rilancio” e offre un contributo fino 500 euro da utilizzare ... leggi

Bonus Mobilità

Dal 1 gennaio 2021 sono disponibili nuovi incentivi per l'acquisto di veicoli a basse emissioni relativi sia alle categorie dei ... leggi
Nuova opportunità per chi non è riuscito a usufruire del bonus mobilità 2020 - by Santo ORSA ... leggi
Contributo pari al 40% delle spese sostenute per persone fisiche con ISEE inferiore a 30 mila euro, che acquistino, anche ... leggi
Incentivi auto «allargati» già dal mese di agosto e fino al 31 dicembre 2020. Sale anche il contributo statale per ... leggi

Sostegni sociali – Raccolta – Redditi di Cittadinanza, di Emergenza – Pensioni e Assegni sociali – Indennità

Ultima Modifica in Gennaio 15, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Tutti gli strumenti di sostegno sociale raccolti in unico posto per fare chiarezza e orientare alla scelta.

Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA)

NON ATTIVO

Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) era una misura di contrasto alla povertà introdotta dalla legge 28 dicembre 2015, n. 208 .

Tale misura prevedeva l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate che verrà erogato attraverso l’attribuzione di una carta di pagamento elettronica, utilizzabile per l’acquisto di beni di prima necessità.

Ai sensi del decreto legislativo n. 147/2017, dal 1° gennaio 2018, il SIA non viene più riconosciuto.

I beneficiari del SIA, dal 1° dicembre 2017, possono richiedere la trasformazione del SIA in Reddito di inclusione

Reddito di Inclusione (REI)

NON ATTIVO

Il Reddito di Inclusione (REI) non può essere più richiesto a partire dal 1° marzo 2019, in quanto sostituito dal Reddito di Cittadinanza.

Pertanto, l’ultima data utile per la presentazione della domanda di ReI è stata il 28 febbraio 2019 e l’ultima erogazione è stata quella di agosto 2020.

Reddito di Cittadinanza

e

Pensione di Cittadinanza

ATTIVO

Il Reddito di Cittadinanza (RdC), introdotto con decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, è un sostegno economico finalizzato al reinserimento nel mondo del lavoro e all’inclusione sociale.

Reddito di Emergenza

NON ATTIVO

Il Reddito di Emergenza (REM d.l. 34) è una misura di sostegno economico (non più attiva) istituita dal decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto Rilancio) in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Il REM d.l. 34 è stato erogato per due mensilità a decorrere dal mese di presentazione della domanda.

La domanda per l’ulteriore mensilità aggiuntiva di REM d.l. 104 poteva essere presentata dal 15 settembre al 15 ottobre 2020.

La domanda di REM d.l. 137, infine, poteva essere presentata dal 10 novembre al 30 novembre 2020.

L’importo del beneficio economico varia da 400 a 800 euro mensili tenendo conto del numero dei componenti il nucleo familiare.

Pensione Sociale

NON ATTIVO

La Pensione Sociale era una prestazione assistenziale per la quale non erano richiesti requisiti assicurativi o contributivi, rivolta a cittadini di 65 anni di età,  in possesso di determinati requisiti di reddito.

Continua a essere corrisposta nei confronti di coloro che hanno presentato domanda e maturato i requisiti entro il 31 dicembre 1995.

Dal 1° gennaio 1996 è stata sostituita dall’assegno sociale.

Assegno Sociale

ATTIVO

L’Assegno Sociale è un sostegno economico, attualmente in vigore, erogato a domanda, dedicato ai cittadini italiani e stranieri in condizioni economiche disagiate e con redditi inferiori alle soglie previste annualmente dalla legge. 

E’ in vigore dal 1° gennaio 1996, l’assegno sociale ha sostituito la pensione sociale.

La prestazione ha natura assistenziale e non è reversibile ai familiari superstiti.

Assegno emergenziale integrativo

ATTIVO

L’assegno emergenziale/integrativo è una prestazione di sostegno al reddito erogata dai Fondi Credito, Credito cooperativo e Trasporto pubblico, integrativa rispetto all’indennità di disoccupazione in termini d’importo o di durata.

La durata massima dell’assegno emergenziale è di 24 mesi

Link >> INPS

Carta Acquisti

ATTIVO

La Carta acquisti ordinaria è una carta di pagamento elettronica concessa a cittadini che si trovano in condizioni di disagio economico. Sulla carta si accreditano bimestralmente80 euro che possono essere utilizzati per la spesa alimentare negli esercizi convenzionati e per il pagamento delle bollette di gas e luce presso gli uffici postali.

Link >>

Indennità di disoccupazione mensile DIS-COLL

ATTIVO

L’indennità di disoccupazione mensile DIS-COLL” è una prestazione a sostegno dei collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, assegnisti di ricerca e dottorandi di ricerca con borsa di studio che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione (articolo 15, decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22).

L’indennità di disoccupazione è pari al 75% del reddito medio mensile.

La DIS-COLL decorre dall’ottavo giorno successivo alla cessazione del rapporto di collaborazione o assegno di ricerca/dottorato di ricerca.

Link >>

Indennità ASpI

NON ATTIVA

L’indennità ASpI è stata istituita per gli eventi di disoccupazione verificatisi a partire dal 1° gennaio 2013 e sostituisce l’indennità di disoccupazione ordinaria non agricola. È stata erogata su richiesta, per gli eventi di disoccupazione verificatisi fino al 30 aprile 2015, ai lavoratori dipendenti che hanno perso involontariamente l’occupazione.

E’ stata sostituita dalla NASpI.

NASpI – Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego

ATTIVA

La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego ( NASpI) è una indennità mensile di disoccupazione, istituita dall’articolo 1, decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 – che sostituisce le precedenti prestazioni di disoccupazione ASpI e MiniASpI – in relazione agli eventi di disoccupazione involontaria che si sono verificati a decorrere dal 1° maggio 2015.

La NASpI viene erogata su domanda dell’interessato a partire dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro.

La misura della prestazione è pari al 75% della retribuzione media mensile imponibile ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni.

DURATA: La NASpI è corrisposta mensilmente per un numero di settimane pari alla metà delle settimane contributive presenti negli ultimi quattro anni.

Link >>

ASDI – Assegno Sociale di Disoccupazione

ATTIVO

L’ASDI (Assegno Sociale di Disoccupazione) consiste nell’indennità economica per la ricollocazione dei lavoratori disoccupati.

La prestazione ASDI (articolo 16, decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22) ha la funzione di fornire una tutela di sostegno al reddito ai lavoratori già beneficiari della NASpI che siano disoccupati e si trovino in una condizione economica di bisogno.

L’importo dell’ASDI è pari al 75% dell’ultima indennità NASpI percepita.

Link >>

Indennità di Disoccupazione AGRICOLA

ATTIVO

L’indennità di disoccupazione agricola è una prestazione economica a cui hanno diritto i lavoratori agricoli dipendenti e le figure equiparate.

L’indennità spetta per un numero di giornate pari a quelle lavorate entro il limite massimo di 365 giornate annue.

L’indennità spetta nella misura del 40% della retribuzione di riferimento.

Agli operai agricoli a tempo indeterminato l’indennità viene erogata per un importo pari al 30% della retribuzione effettiva. 

Link >> INPS

Assegno ASU

ATTIVO

L’Assegno di sussidio per Attività Socialmente Utili (assegno ASU) è una prestazione economica in favore di lavoratori che partecipano a progetti di Lavoro Socialmente Utile (LSU).

Sono stati utilizzati per tali progetti di lavoro:

  • lavoratori in cerca di prima occupazione;
  • disoccupati iscritti da più di due anni nelle liste di collocamento;
  • iscritti nelle liste di mobilità che non percepiscono l’indennità.

L’importo è pari a € 580,14 mensili.

Link >> INPS

Reddito di Cittadinanza – Simulatore – Calcolo Reddito Spettante

Ultima Modifica in Gennaio 14, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Il calcolo verifica i requisiti di ammissibilità e determina verosimilmente la quota di reddito spettante variabile in rapporto al numero dei componenti familiari, ai valori patrimoniali ed economici. I dati inseriti non saranno memorizzati.

Continua a leggere “Reddito di Cittadinanza – Simulatore – Calcolo Reddito Spettante”

Voucher vacanza Calabria

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Proroga utilizzo 31 marzo 2021

L’Amministrazione Regionale comunica che i destinatari dei due avvisi pubblici “StaiInCalabria” e “InCalabria”, rispettivamente nuclei familiari e giovani, potranno utilizzare i voucher assegnati fino al 31 marzo 2021.

Qui la comunicazione della proroga

Articoli recenti

Bonus Asilo Nido – fino a 3.000€

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Che cos’è

E’ contributo che viene erogato dall’INPS per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati (età del bambino inferiore a tre anni).

L’articolo 1, comma 343, legge 27 dicembre 2019 n. 160, ha elevato l’importo del buono fino a un massimo di 3.000 euro sulla base dell’ ISEE minorenni.

La domanda può essere presentata dal genitore di un minore nato o adottato in possesso dei requisiti richiesti.

QUANTO SPETTA

L’importo massimo erogabile al genitore richiedente, a decorrere dal 2020, è determinato in base all’ ISEE minorenni, in corso di validità, riferito al minore per cui è richiesta la prestazione.
 
Di seguito, gli importi massimi concedibili e la relativa parametrazione mensile:

  • ISEE minorenni fino a 25.000 euro Bonus pari 3.000 euro (importo mensile erogabile 272,72 euro per 11 mensilità).
  • ISEE minorenni da 25.001 euro fino a 40.000 euro – Bonus pari 2.500 euro (importo mensile erogabile 227,27 per 11 mensilità)
  • ISEE minorenni da 40.001 euro Bonus pari 1.500 euro (importo mensile erogabile 136,37 per 11 mensilità).

Per bambini con gravi patologie croniche, in alternativa all’asilo nido, sono ammesse a contributo forme di assistenza domiciliare

Per maggiori informazioni collegati alla pagina INPS

Bonus Nascita – 800€

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Che cos’è

Il premio alla nascita di 800 euro viene corrisposto dall’INPS per la nascita o l’adozione di un minore.

Il premio non concorre alla formazione del reddito complessivo di cui all’articolo 8 del Testo Unico delle imposte sui redditi.

QUANDO FARE DOMANDA

La domanda deve essere presentata dopo il compimento del settimo mese di gravidanza e comunque, improrogabilmente entro un anno dal verificarsi dell’evento (nascita, adozione o affidamento).

COME FARE DOMANDA

La domanda deve essere presentata all’INPS tramite una delle seguenti modalità:

  • servizi telematici accessibili direttamente dalla richiedente, attraverso il servizio dedicato;
  • Contact Center (numero 803 164, gratuito da rete fissa, oppure 06 164 164 da rete mobile);
  • enti di patronato, tramite i servizi telematici offerti dagli stessi.

Per maggiori informazioni collegati alla pagina INPS

Bonus per congedo matrimoniale

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Che cos’è

L’assegno per congedo matrimoniale è un Bonus del valore pari a 7 giorni lavorativi erogato dall’INPS, ad alcune tipologie di lavoratori, in occasione di un congedo straordinario per matrimonio civile o concordatario, da fruire entro i 30 giorni successivi alla data dell’evento.

INPS paga direttamente l’assegno per congedo matrimoniale ai disoccupati, mentre per i lavoratori occupati l’erogazione avviene tramite i datori di lavoro.

A chi spetta

L’assegno spetta a lavoratori occupati o disoccupati con qualifica di operaio (quindi qualifica diversa da impiegato) nel settore privato. I lavoratori disoccupati devono aver lavorato almeno 15 giorni degli ultimi 90 giorni prima del matrimonio.

L’assegno è destinato ad entrambi i coniugi/parti di unione civile quando l’uno e l’altra vi abbiano diritto.

COME FARE DOMANDA

lavoratori occupati presentano la domanda al datore di lavoro alla fine del congedo e non oltre 60 giorni dalla data del matrimonio e allegando il certificato di matrimonio o lo stato di famiglia .

lavoratori disoccupati o richiamati alle armi devono presentare domanda all’INPS entro un anno dalla data del matrimonio/unione civile.

Per maggiori informazioni collegati alla pagina INPS

Carta Acquisti – Bonus 40€ Mese

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

CHE COS’È?

Chiamata anche Social Card, è una carta rilasciata dalle Poste Italiane per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Ha un valore di 40 euro al mese e viene ricaricata dallo Stato di 80 euro ogni bimestre (480€ anno). Serve per permettere alle famiglie in difficoltà di effettuare acquisiti presso supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie aderenti, pagare le utenze per energia elettrica e gas, e usufruire di sconti presso punti vendita convenzionati.

  • È completamente gratuita
  • Funziona come una normale carta di pagamento elettronica
  • Viene periodicamente ricaricata dallo Stato

CHI HA DIRITTO?

Chi hai compiuto 65 anni di età

oppure

Chi hai figli di età inferiore a 3 anni


REQUISITI:

  • se over 65 redditi pari o inferiori a 6.966,54 euro all’anno
  • se over 70 redditi pari o inferiori a 9.288,72 euro all’anno
  • ISEE inferiore a 6.966,54 euro per l’anno 2020
  • patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, non è superiore a 15mila euro;
  • singolarmente o insieme al coniuge non essere intestatari di più di una utenza elettrica o di più di una utenza del gas
  • non possedere più di un autoveicolo o più di un immobile
  • non usufruire di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni in quanto ricoverato in istituto di lunga degenza

COME RICHIEDERLA

La Carta Acquisti si può richiedere negli Uffici Postali presentando il modulo di richiesta con la relativa documentazione.

Carta della Famiglia – Sconti

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

CHE COS’È?

E’ una carta rilasciata dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Da diritto ad accedere a sconti e riduzioni tariffarie per almeno il 5% su acquisti di beni e servizi offerti dalle attività commerciali aderenti ad una convenzione ministeriale.

CHI HA DIRITTO

  • Le Famiglie con almeno 3 figli di età inferiore a 26
  • In seguito all’approvazione del decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9, recante misure connesse all’emergenza Covid-19’, per il 2020 possono richiederla anche i nuclei con 1 figlio a carico

I PREZZI DEVONO ESSERE SCONTATI DI ALMENO DEL 5%

PROCEDURA PER IL RILASCIO E L’USO DELLA CARTA:

  1. Registrazione online tramite SPID del nucleo familiare da uno dei due genitori sulla piattaforma web dedicata del dipartimento
  2. Rilascio di un codice identificativo, a barre e numerico, che si può anche scaricare in formato Pdf e usare con proprio dispositivo mobile
  3. Uso della Carta Famiglia sia nei negozi che nei siti web convenzionati, per effettuare acquisti o usufruire di servizi a prezzi scontati e con tariffe ridotte.

Consigli

Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia mette a disposizione la consultazione, per area geografica e settore, dei negozi convenzionati e conoscere a priori la percentuale di sconto.

Al momento del pagamento on-line bisogna cercare il logo della carta e inserisci il tuo codice identificativo, che permette al sito di controllare se la tua carta è attiva e registrare lo sconto.

La carta è valida per negozi on line e fisici nei seguenti settori convenzionati

  • abbigliamento
  • alimentari
  • giardino e giardinaggio
  • grande distribuzione;
  • informatica ed elettronica
  • negozi al dettaglio
  • prima infanzia
  • prodotti per animali domestici
  • salute (Farmacie – Studio Dentistico)
  • servizi culturali ed intrattenimento
  • servizi digitali
  • servizi funebri
  • tempo libero
  • trasporti
  • turismo, hotel, b&b
  • utenze domestiche
  • altri settori (parafarmacie, studi professionali, centri auto, ecc)

Trova negozio

Bonus Vacanza Nazionale

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Il “Bonus vacanze” fa parte delle iniziative previste dal “Decreto Rilancio” e offre un contributo fino 500 euro da utilizzare per soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast in Italia.

Può essere richiesto e speso dal 1° luglio al 31 dicembre 2020.

Requisiti

Possono ottenere il “Bonus vacanze” i nuclei familiari con ISEE fino a 40.000 euro.

Per il calcolo dell’ISEE è necessaria la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU), che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali di un nucleo familiare e ha validità dal momento della presentazione e fino al 31 dicembre successivo.

L’importo del bonus

sarà modulato secondo la numerosità del nucleo familiare:

  • 500 euro per nucleo composto da tre o più persone
  • 300 euro da due persone
  • 150 euro da una persona.

Richiesta del bonus

Il “Bonus Vacanze” può essere richiesto e viene erogato esclusivamente in forma digitale.

Per ottenerlo bisogna disporre di tre cose:

  1. Identità digitale SPID o CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica)
  2. ISEE Valido
  3. App IO qui scaricabile gratuitamente o dagli store digitali .

Entrando nell’app IO, nella sezione Pagamenti, puoi aggiungere il “Bonus Vacanze” e seguire i passaggi richiesti per completare la richiesta e attivare il Bonus.

A seguito della richiesta, attraverso un collegamento con la banca dati dell’Inps, l’app IO verifica che il richiedente sia in possesso di tutti i requisiti necessari e comunica al richiedente l’esito del riscontro, con un messaggio in app.

Il Bonus attribuito al tuo nucleo familiare sarà identificato da un codice univoco, a cui sarà associato anche un QR code: non dovrai stamparlo, ma potrai averlo sempre a disposizione sul tuo smartphone. Ti basterà comunicarlo all’albergatore aderente, insieme al tuo codice fiscale, quando dovrai pagare il tuo soggiorno direttamente presso la struttura dove sceglierai di trascorrere le vacanze.

Utilizzo del Bonus:

  • deve essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia ADERENTE ALL’INIZIATIVA (albergo, campeggio, villaggio turistico, agriturismo e bed & breakfast)
  • è fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore aderente l’iniziativa
  • il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi, da parte del componente del nucleo familiare a cui viene intestato il documento di spesa del soggiorno (fattura, documento commerciale, scontrino/ricevuta fiscale).

E’ importante quando si richiede il preventivo far riportare nello stesso se la struttura scelta aderisce o meno all’iniziativa bonus vacanza.

Bonus Baby Sitter – 1200€

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Il bonus viene erogato dall’INPS per l’acquisto di servizi Baby Sitting, cioè servizi di assistenza e sorveglianza dei MINORI o iscrizione ai servizi socio-educativi territoriali 

Il voucher è rivolto a famiglie con figli di età fino a 12 anni in cui padre e madre lavorano. 

Questo beneficio può essere richiesto in alternativa al congedo.

Un recente chiarimento dell’Inps conferma che il voucher può essere usato per pagare nonni (senza incidere sulla pensione) o altri parenti.

Requisiti dei nonni o altri parenti a cui possono essere affidati i minori

I familiari non devono essere conviventi e devono possedere uno dei seguenti requisiti:

  • essere titolari di pensione
  • giovani con meno di venticinque anni di età, se regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado ovvero a un ciclo di studi presso l’università;
  • persone disoccupate, ai sensi dell’articolo 19, decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 150;
  • percettori di prestazioni integrative del salario, di reddito di inclusione (REI o SIA, che costituisce la prestazione di sostegno all’inclusione attualmente vigente e destinata ad essere sostituita dal REI), ovvero di altre prestazioni di sostegno del reddito.

L’indennità verrà corrisposta tramite un sistema di pagamento definito tecnicamente libretto di famiglia. Sia l’utilizzatore (padre o madre) che il prestatore (nonno/a o altri parenti) devono accedere e registrarsi alla piattaforma INPS tramite il servizio online dedicato.

Periodo di utilizzo

Il periodo di fruibilità del bonus va dal 05 marzo al 31 luglio 2020

Il bonus baby sitter non fa reddito ed è esente da imposizione fiscale. Quindi il nonno o chiunque svolga la mansione di baby sitting con retribuzione tramite voucher non dovrà dichiarare l’importo nella dichiarazione dei redditi 2021.