Bonus Idrico – Sostituzione Sanitari – Fino a 1.000 euro

Ultima Modifica in Gennaio 14, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Le disposizioni di cui ai commi 61-65, approvata dal Parlamento il 30 dicembre 2020, riconoscono alle persone fisiche residenti in Italia, un “bonus idrico” pari a 1.000 euro per ciascun beneficiario, da utilizzare entro il 31 dicembre 2021, per interventi di sostituzione di sanitari e apparecchi a limitazione di flusso d’acqua comprese eventuali opere idrauliche e murarie collegate.

Il contributo è riconosciuto nel limite di spesa previsto e fino ad esaurimento delle risorse, dotazione di 20 milioni di euro per il 2021, demandandosi la definizione delle modalità e dei termini per l’erogazione e ad un apposito decreto del Ministro dell’ambiente da emanare entro 60 giorni dall’entrata in vigore della presente legge.

Le spese ammissibili riguardano gli interventi di:

  1. sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto

la fornitura e posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, comprese le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e dismissione dei sistemi preesistenti

2. sostituzione di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua

la fornitura e installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, comprese le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e dismissione dei sistemi preesistenti.

Attuazione

La definizione delle modalità e dei termini per l’erogazione e l’ottenimento del “bonus”, anche ai fini del rispetto del limite di spesa, è demandata dal comma 65 ad un apposito decreto del Ministro dell’ambiente che dovrà essere emanato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della presente legge

Gli interventi possono avvenire:

  • su edifici esistenti
  • su parti di edifici esistenti
  • o su singole unità immobiliari.

La disposizione in esame non appare specificare se il contributo sia cumulabile o meno con i benefici fiscali previsti in materia di ristrutturazione del patrimonio immobiliare.



Bonus Acquisti

Che cos'è Il “Bonus TV” è un contributo di 50 euro per l’acquisto di TV e decoder (satellitari o di ... leggi
E' stato istituito un fondo per consentire alle casalinghe di formarsi e acquisire nuove competenze. Il Ministero per le Pari Opportunità ... leggi
Si tratta di misure statali volte a ridurre la spesa delle famiglie con basso reddito per utenze domestiche quali Acqua, ... leggi
CHE COS'È? E' un contributo economico di 30 euro per l'acquisto di un dispositivo antiabbandono. Ricordiamo che per i bambini ... leggi

Bonus Casa

Bonus pari a 1.000 euro per ciascun beneficiario, da utilizzare entro il 31 dicembre 2021, per interventi di sostituzione di ... leggi
E' un contributo fino a 5.000€ erogato a fondo perduto per Impianti termici solari e non, pari al 65% delle ... leggi
Incentivo all'Autoconsumo con accumulo di Energia. Tariffa di 100 € per ogni MWh prodotto e autoconsumato. ... leggi
La sostituzione di un impianto di climatizzazione è un intervento che può beneficiare della detrazione del 110%, anche senza la ... leggi
Il bonus consiste nella detrazione pari al 36 per cento delle spese documentate fino a un ammontare complessivo non superiore ... leggi
l bonus del 50%, confermato per tutto l'anno 2021, è una detrazione Irpef riconosciuta ai contribuenti per l’acquisto di mobili ... leggi
ll bonus condizionatori 2020 è una agevolazione fiscale (detrazione di imposta) che spetta a tutti i soggetti che decidono di acquistare oppure ... leggi

Bonus Reddito

Sostegno economico alle famiglie attribuito per ogni figlio a carico. by Santo Orsa ... leggi
L'INPS eroga in favore degli iscritti al Fondo casalinghe la pensione di inabilità e la pensione di vecchiaia - by ... leggi
Tutti gli strumenti di sostegno sociale (Assegni sociali, Indennità di disoccupazione, ecc) raccolti in unico posto per fare chiarezza e ... leggi
E' contributo che viene erogato dall'INPS per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati ... leggi
Il premio alla nascita di 800 euro viene corrisposto dall’INPS per la nascita o l’adozione di un minore. La domanda ... leggi
L’assegno per congedo matrimoniale è un Bonus del valore pari a 7 giorni lavorativi erogato dall'INPS - by Santo ORSA ... leggi
Chiamata anche Social Card, è una carta rilasciata dalle Poste Italiane per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Ha ... leggi
E' una carta rilasciata dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Da diritto ad ... leggi
Il “Bonus vacanze” fa parte delle iniziative previste dal “Decreto Rilancio” e offre un contributo fino 500 euro da utilizzare ... leggi

Bonus Mobilità

Dal 1 gennaio 2021 sono disponibili nuovi incentivi per l'acquisto di veicoli a basse emissioni relativi sia alle categorie dei ... leggi
Contributo pari al 40% delle spese sostenute per persone fisiche con ISEE inferiore a 30 mila euro, che acquistino, anche ... leggi
Incentivi auto «allargati» già dal mese di agosto e fino al 31 dicembre 2020. Sale anche il contributo statale per ... leggi

Conto Termico 2.0 – Fino a 5.000 € per Impianti Termici

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Che cos’è

Il Conto Termico è un incentivo statale a fondo perduto riconosciuto ai privati cittadini (anche imprese ed enti pubblici) allo scopo di migliorare l’efficienza energetica.

Responsabile della gestione del meccanismo e dell’erogazione degli incentivi è il Gestore Nazionale dei Servizi Energetici – GSE

La misura è già operativa e ben collaudata da diversi anni ma pochi ne sono a conoscenza.

Dopo un iniziale periodo di messa a punto delle procedure oggi si può dire che ha raggiunto una maturità tale da renderla (dal 2020) un’agevolazione molto efficace e conveniente per incentivare la sostituzione di apparecchi obsoleti a legna/pellet e gasolio (e GPL in presenza di alcune specifiche condizioni) con apparecchi di nuova generazione.

Interventi ammessi al Conto Termico

Impianti che possono beneficiare del contributo:

  • Nuovo impianto solare termico
  • Sostituzione di Impianto preesistente con uno a Pompa di Calore
  • Sostituzione di Impianto preesistente con uno a Caldaie e Stufe a Biomasse
  • Sostituzione di Impianto preesistente con uno a Scalda Acqua a pompa di Calore
  • Sostituzione di Impianto preesistente con uno a Impianto Ibrido a Pompa di Calore

Qui la pagina dei requisti degli impianti ammessi – Sito del GSE

L’incentivo a fondo perduto

L’erogazione degli incentivi avviene in un’unica rata nel limite massimo di 5.000 euro e i tempi di pagamento sono all’incirca di 2 mesi.

In nessun caso il contributo può superare il 65% delle spese sostenute.

Gli incentivi del Conto Termico non sono cumulabili con altri incentivi statali, fatti salvi i fondi di rotazione, i fondi di garanzia e i contributi in conto interesse. 

Confronto tra Conto Termico e Detrazioni Fiscali (EcoBonus)

Dobbiamo subito chiarire che una corretta valutazione può essere effettuata solo caso per caso, essendo diversi i fattori variabili che ne influenzano la convenienza, percentuali, tipo di intervento (sostituzione o meno), tipo di impianto, regime fiscale, ecc..

In generale, la detrazione di imposta, che varia nelle percentuali da 65 a 110% a seconda degli interventi, rimane sempre interessante nel caso si stia parlando di un’installazione ex novo, senza sostituzione alcuna. Ricordiamo infatti che il conto termico si applica solo se si sostituiscono vecchi impianti, eccetto per l’impianto Solare Termico il cui incentivo è riconosciuto senza necessità di sostituirne uno preesistente .

La detrazione di imposta inoltre rimane l’unica agevolazione per alcuni impianti che non rientrano nei requisiti del Conto Termico.

Di contro, il Conto Termico, diventa una validissima agevolazione laddove non si può accedere al superbonus, oppure non si ha la convenienza di sfruttare la detrazione fiscale, anche se attualmente è possibile optare per la cessione del credito.

Come richiedere il contributo a fondo a perduto

A partire dal 2016 il cittadino privato può presentare domanda di incentivo al Gestore dei Servizi Energetici esclusivamente tramite una ESCo.

Le ESCo sono società (Energy Service Company) in possesso della certificazione UNI CEI 11352 e operano, per conto del beneficiario, in qualità di Soggetto Responsabile, mediante la stipula di contratti regolati dalla legge.

Quindi il privato non può rivolgersi direttamente al Gestore dei Servizi Energetici, ma prendere contatti con una ESCo tra le tante presenti nel mercato, le quali sono strutturate e organizzate per garantire l’installazione dell’impianto a norma chiavi in mano e l’ottenimento del contributo a fondo perduto.

Qui la guida GSE con le regole applicative

Fotovoltaico – Nuovi Incentivi 2020 – Tariffa 100€ a MWh

Ultima Modifica in Dicembre 12, 2020 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Decreto MISE del 15 settembre

All’EcoBonus 110% si aggiungono ora nuove opportunità per realizzare il proprio impianto fotovoltaico per la produzione e l’autoconsumo di energia elettrica.

Il Ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha firmato il decreto attuativo e inviato alla Corte dei Conti per la registrazione.

Il decreto reintroduce la tariffa con la quale si incentiva la promozione dell’autoconsumo da fonti rinnovabili.

Incentivo – Nuove tariffe

La tariffa per l’energia autoconsumata sarà pari rispettivamente a:

  • 100 €/MWh per le configurazioni di autoconsumo collettivo;
  • 110 €/MWh per le comunità energetiche rinnovabili.

Cumulabilità con EcoBonus 110%

L’incentivo sopra è riconosciuto per un periodo di 20 anni e sarà gestito dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE).

Inoltre l’incentivo è cumulabile con l’Ecobonus 110% nei limiti previsti dalla legge (vedi guida pratica EcoBonus 110%).

Pertanto, l’impianto fotovoltaico in determinate circostanze e se realizzato insieme ad altri interventi ammessi all’EcoBonus (Isolamento termico e/o Sostituzione impianto di climatizzazione), può rappresentare un investimento “a costo zero” (EcoBonus) con rendimenti certi (Incentivo) di “guadagno” e con “risparmio” sulla bolletta elettrica.

Beneficiari

Il provvedimento mira a favorire l’autoconsumo collettivo, attivabile da famiglie e altri soggetti che si trovano nello stesso edificio o condominio.

Inoltre vengono costituite le comunità energetiche, a cui possono partecipare persone fisiche, PMI, enti locali.


Approfondimenti: Comunicato ministeriale MISE

Articoli Correlati:

EcoBonus 110% – Sostituzione Impianto di Climatizzazione

Ultima Modifica in Marzo 10, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

La sola “sostituzione” dell’impianto di climatizzazione beneficia del 110%

La sostituzione di un impianto di climatizzazione è un intervento che può beneficiare della detrazione del 110%, anche senza la concomitanza di altri interventi.

Non solo, al pari degli interventi di isolamento termico, la sostituzione di un impianto è considerato intervento “trainante”, nel senso che grazie a questo intervento anche altri interventi di efficienza energetica, quali ad es sostituzione di infissi, impianto fotovoltaico, beneficiano del 110% .

Ciò trova riscontro legislativo nella norma istitutiva dell’agevolazione (110%), nel cosiddetto”Decreto Rilancio“, all’articolo 119 comma 1, lettera B) e C).

ART 119 – La detrazione (110%)…omissis…è prevista nei casi:

Comma 1, lettera B)

Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti …

Comma 1, lettera C)

Interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti …

Infatti nello specifico le spese ammesse all’agevolazione secondo l’articolo 5 lettera d) del Decreto Requisiti sono:

lettera D): interventi impiantistici concernenti la climatizzazione invernale e/o la produzione di acqua calda e l’installazione di sistemi di building automation attraverso:

  1. fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche, nonché delle opere idrauliche e murarie necessarie per la realizzazione a regola d’arte di impianti solari termici organicamente collegati alle utenze, anche in integrazione con impianti termici;
  2. smontaggio e dismissione dell’impianto di climatizzazione invernale esistente, parziale.”o totale, “fornitura e posa in opera” di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche, delle opere idrauliche e murarie necessarie per la sostituzione, a regola d’arte, di impianti di climatizzazione invernale con impianti di cui all’articolo 2, comma l, lettera e). omissis
  3. fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature elettriche, elettroniche e meccaniche nonché delle opere elettriche e murarie necessarie per l’installazione e la messa in funzione a regola d’arte, all’interno degli edifici o delle unità abitative, di sistemi di building automation degli impianti termici degli edifici.
    Non è compreso tra le spese ammissibili l’acquisto di dispositivi che permettono di interagire da remoto con le predette apparecchiature, quali telefoni cellulari, tablet e personal computer o dispositivi similari comunque denominati.

L’articolo 2 del Decreto Requisiti, alle lettere C), D) ed E), a cui si rimanda, elenca le caratteristiche che devono avere i nuovi impianti di acqua calda sanitaria e di climatizzazione (collettori solari, caldaie a condensazione, termoregolazione, pompe di calore, ecc)

Asseverazione non sempre necessaria

Se gli interventi che beneficiano del 110% si limitano ai soli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione, l’asseverazione che in genere deve essere prodotta da un tecnico abilitato, può essere sostituita da idonea documentazione prodotta dal fornitore degli apparecchi.

Restano fermi gli altri adempimenti a cui si rimanda.

La sola sostituzione dell’impianto di “acqua calda sanitaria” beneficia del 110%

Il decreto attuativo, della norma istituiva dell’agevolazione, è stato chiamato “Decreto Requisiti”. Tale decreto nel confermare le prescrizioni richiamate, amplia gli interventi di sostituzione. Ciò anche in forza del Dlgs 48/2020, in vigore dall’11 giugno, che amplia la definizione di impianto termico contemplando anche l’impianto destinato alla sola produzione di acqua calda sanitaria. Infatti la nuova definizione di impianto termico è la seguente; «impianto tecnologico fisso destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, o destinato alla sola produzione di acqua calda sanitaria. Attenzione però che, non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate».

Non solo quindi la climatizzazione ma anche la sola sostituzione dell’impianto di acqua calda sanitaria può oggi beneficiare dell’agevolazione 110%, purchè l’impianto sia centralizzato e al servizio di più unità immobiliari.

Resta sempre da garantire il prerequisito del risparmio energetico, il salto di due classi energetiche dell’edificio.


    Richiedi una consulenza a Famiglia & Impresa per:

    - Comunicazione opzione Sconto o Cessione Credito

    - Apposizione Visto di Conformità




    *Dati obbligatori



    Riferimenti Normativi:

    Articolo 119 Decreto Rilancio

    Decreto Requisti

    CIRCOLARE N. 24/E 08/08/2020 Agenzia delle Entrate

    Articoli Correlati


    In primo piano

    Norme istitutive, modificative, integrative e attuative dell'EcoBonus 110 - Mappa e Testo Coordinato art 119 - by Santo Orsa ... leggi
    Se un immobile costituito da più quattro unità abitative (es appartamenti) risulta essere di proprietà di un unico soggetto, non ... leggi
    Mentre gli edifici fino a quattro unità immobiliari alla luce delle modifiche apportate dalla legge di bilancio 2021 sono ammessi ... leggi

    Interventi

    La copertura dell’abitazione certamente può avere dei requisiti per essere classificata tra gli interventi di l'isolamento termico dell'involucro - by ... leggi
    Sono "trainanti" quegli interventi grazie ai quali anche "altri interventi" possono beneficiare dello stesso SuperBonus 110% - by SantoORSA ... leggi
    Gli "Altri Interventi", diversi da quelli cosiddetti trainanti, sono interventi "TRAINATI" ammessi al superbonus 110%, se realizzati congiuntamente agli interventi ... leggi
    L'Impianto Fotovoltaico per essere ammesso alla detrazione del 110%, da ripartire in 5 anni o da cedere a terzi sotto ... leggi
    La sostituzione di un impianto di climatizzazione è un intervento che può beneficiare della detrazione del 110%, anche senza la ... leggi

    Cessione

    No post found

    Adempimenti

    No post found