Cashback – Esempi di Calcolo

Simulatore

Ultima Modifica in Giugno 23, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Ogni transazione può ricevere un rimborso massimo di 15 euro.

Le transazioni di importo superiore a 150 euro concorrono fino all’importo di 150 euro (15 euro di rimborso pari 10% di 150 euro). Una transazioni per esempio di 200 euro avrà diritto ad un rimborso di 15 euro; così anche una transazione di 1000 euro avrà riconosciuto un rimborso di 15 euro.

La norma non sembra stranamente vietare il frazionamento delle operazioni. E’ comunque operazione elusiva il frazionamento? Non sappiamo se il sistema escluderà dal computo quelle transazioni effettuate nello stesso giorno presso il medesimo negozio.


Esempi di calcolo

Mese di dicembre

Si può notare che non sempre ad una maggiore spesa corrisponde un maggiore rimborso. Infatti nell’esempio1 pur essendo maggiore la spesa (2.680€) rispetto a quella dell’esempio3 (1.500€), il rimborso è minore. Ciò è determinato dalla regola secondo la quale “per transazioni superiori a 150 l’importo rimborsabile rimane fisso a 15 euro“.

L’esempio4 sotto dimostra, rispetto all’esempio1, che una spesa più frazionata determina un rimborso maggiore.


Articoli recenti

Indennizzi pronti per settori penalizzati

Ultima Modifica in Gennaio 11, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Il premier Conte, dopo il nuovo DPCM in vigore dal 26 ottobre 2020, annuncia in conferenza stampa:

“Non mi piace fare promesse – continua il premier – ma prendo un impegno a nome del governo. Sono già pronti gli indennizzi per tutte le categorie che sono penalizzate dalle nuove norme”. Il provvedimento, un decreto legge messo a punto dai ministri Gualtieri e Patuanelli, dovrebbe essere già martedì in Gazzetta Ufficiale. I soldi, parole di Conte, “arriveranno direttamente sul conto corrente degli interessati con bonifico bancario dell’Agenzia delle entrate”.

Proroga scadenze Patente e Altro

Ultima Modifica in Giugno 23, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Proroga di 7 mesi delle scadenze Patenti, revisioni, CQC e altri documenti

In considerazione dello stato di emergenza nazionale dovuta all’epidemia di Covid-19, la circolare 0051340 del Ministero dell’Interno datata 5 giugno 2020 indica le nuove scadenze che sono valide dal 4 giugno 2020 in tutti gli Stati dell’Unione Europea, Italia compresa.

Questa disposizione, va sottolineato, risulta più favorevole rispetto alla norma introdotta dal decreto Cura-Italia di marzo. Con quel provvedimento era stata prorogata fino al 31 agosto 2020 la validità delle patenti in scadenza dal 31 gennaio.

Per le patenti di guida, scadute o in scadenza tra il 01 febbraio 2020 e il 31 agosto 2020, la loro validità si considera prorogata di 7 mesi dalla data di scadenza indicata e in tale periodo il titolare potrà di circolare in tutta l’UE.


Revisioni Auto, Moto e altro

In generale il decreto Cura Italia ha autorizzata fino al 31 ottobre 2020 la circolazione dei veicoli con revisione in scadenza tra 1 febbraio e entro il 31 luglio 2020. Con il recepimento della normativa europea si sono presentate le seguenti eccezioni:

Veicoli immatricolati in Italia delle categorie M, N, 03, 04 e Ts con:

  • revisione scaduta prima del mese di febbraio 2020, possono circolare sul solo territorio nazionale sino al 31 ottobre 2020 senza aver effettuato la revisione periodica o annuale.
  • con revisione scaduta nel mese di febbraio (29 febbraio 2020), possono circolare sul territorio nazionale sino al 31 ottobre 2020 e sul territorio degli altri Paesi dell’UE sino al 30 settembre 2020.
  • revisione scaduta nel periodo compreso tra il 31 marzo 2020 e il 31 agosto 2020, possono circolare sul territorio dei Paesi Ue compresa l’Italia per i 7 mesi successivi alla scadenza prevista dalle norme vigenti in Italia.

Infine i veicoli appartenenti alle categorie L (ciclomotori, motocicli, tricicli e quadricicli), O1 e O2 (rimorchi) immatricolati in Italia, la cui revisione è scaduta o scadrà entro il 31 luglio 2020 – esclusi dall’applicazione del regolamento europeo – possono circolare solo sul territorio nazionale fino al 31 ottobre 2020 senza aver effettuato la prevista revisione. 

Proroga Polizze Auto-Moto

Ultima Modifica in Giugno 23, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

Le polizza assicurative annuali, in scadenza tra il 21 febbraio 2020 e il 31 luglio 2020, potranno beneficiare di una proroga di 30 giorni, avendo comunque garantita la copertura assicurativa e raddoppiando così il periodo di tolleranza già per legge di 15 giorni.

E’ quanto stabilito dal Decreto Cura Italia per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Nel dettaglio, la validità delle polizze auto con scadenza fino al 31 luglio 2020 viene prorogata di altri 15 giorni, per un totale quindi di 30 giorni. Il provvedimento si applica anche nel caso in cui si dispone di polizza assicurativa annuale, con premio assicurativo precedentemente rateizzato in modo semestrale o attraverso rate periodiche.

Quindi se per esempio una polizza è scaduta naturalmente il 30 maggio, risulta ancora valida e si potrà circolare fino al 29 giugno data entro la quale dovrà essere rinnovata.