Bonus Adeguamento luoghi di lavoro – 60%

Ultima Modifica in Gennaio 11, 2021 by Santo ORSA Dottore Commercialista

È pari al 60% il Credito di Imposta riconosciuto dal Decreto Rilancio sulle spese sostenute nel 2020, fino ad un limite di 80 mila euro, per la realizzazione degli interventi richiesti dalle prescrizioni sanitarie e dalle misure di contenimento contro la diffusione da COVID19

Accesso al credito

Per aver diritto all’utilizzo del credito di imposta dovrà essere inviata, per periodo dal 20 luglio 2020 al 30 novembre 2021, una comunicazione all’Agenzia delle Entrate.

La comunicazione dovrà riportare:

  • l’ammontare delle spese ammissibili sostenute fino al mese precedente alla data di sottoscrizione della comunicazione
  • l’importo che prevedono di sostenere successivamente, fino al 31 dicembre 2020.

Nel caso in cui sia inviata dopo il 31 dicembre 2020, devono essere  indicate esclusivamente le spese ammissibili sostenute nel 2020.

I  contribuenti interessati possono trasmettere  la comunicazione, esclusivamente in modalità telematica, sia direttamente sia avvalendosi di un intermediario, utilizzando l’applicativo web dedicato disponibile in area riservata (Entratel/Fisconline).

Beneficiari

  • Imprese
  • lavoratori autonomi

Non spetta alle imprese ed ai lavoratori autonomi che non esercitano la loro attività in luoghi aperti al pubblico

Spese agevolabili

  • Interventi di rifacimento di spogliatoi e mense
  • Interventi per la realizzazione di spazi comuni e ingressi, di spazi medici
  • Acquisto di apparecchiature per il controllo della temperatura dei dipendenti e degli utenti
  • Acquisto di arredi di sicurezza

Cumulabilità

È cumulabile con altre agevolazioni per le medesime spese nei limiti del costo
sostenuto.

Utilizzo del credito

Il credito d’imposta è utilizzabile in dichiarazione ovvero, senza limiti di importo, in compensazione in F24

Il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito ai fini delle Imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini IRAP

Cessione del Credito

Fino al 31 dicembre 2021, i beneficiari dei crediti d’imposta per l’emergenza epidemiologica da COVID-19 possono optare per la cessione, anche parziale, degli stessi ad altri soggetti, i quali possono utilizzare il credito ceduto anche in
compensazione

La quota di credito d’imposta non utilizzata nell’anno non può essere usufruita negli anni successivi, e non può essere richiesta a rimborso